popolazioni africane
Sostenibilità

8 Incredibili Tribù Africane: alcune rischiano di estinguersi

In totale ci sono circa tremila tribù africane. Decine di milioni di africani vivono ancora in tribù, ognuna con una cultura unica e il proprio organigramma sociale. Insieme alle proprie credenze, che sono presenti in molte tribù, inoltre aderiscono a una o due religioni, di norma, il cristianesimo o l’Islam. Alcune tribù sono fiorenti e altre sono sull’orlo dell’estinzione.

Zulu

Sono una delle tribù africane più famose al mondo. In parte è merito di un uomo di nome Shakazulu. Era un grande generale di guerra, che era in grado di vincere contro avversari pesantemente armati quando i suoi guerrieri usavano solo lance e scudi. Zulu è un gruppo etnico delle famiglie Bantu del Sud Africa, è un grande gruppo con oltre 12 milioni di persone. Le due principali religioni della tribù sono il cristianesimo e la mitologia Zulu. Nel XIX secolo, gli Zulu entrarono in guerra con gli inglesi. Di conseguenza, sono stati sconfitti, ma hanno condotto una lotta decente con un avversario così potente. Il 22 gennaio 1879, hanno vinto una vittoria impressionante nella battaglia di Izandlwan. Gli Zulu hanno un enorme impatto sulla vita politica del Sudafrica. Il capo di questa tribù per un po ‘ ha ricoperto la carica di Vice-Presidente del paese. E anche dal 2009 al 2018, il presidente del Sudafrica era un uomo appartenente al popolo Zulu.

Yoruba

Youruba è uno dei più grandi popoli africani, superano quasi i 40 milioni di persone. La maggior parte della popolazione si trova in Nigeria, con solo 40 milioni di persone che vivono lì. Il resto – in Benin, Ghana, Togo, Costa d’avorio, Europa e Nord America. Il gruppo parla la lingua madre-Yoruba. Le principali religioni sono il cristianesimo, l’Islam e la mitologia Yoruba. Nella loro mitologia c’è un dio supremo, che ha tre manifestazioni divine: Olodumare, il creatore; Olorun, il padrone del cielo; Olofi, la guida tra cielo e Terra.

Kalenjin

è uno dei dei popoli del Nilo, che vive nella provincia del Kenya Rift Valley. La loro popolazione è di circa 5 milioni di persone. Le due religioni più comuni sono il cristianesimo e la religione africana tradizionale. Fino al XX secolo, Kalenjin non aveva un nome. Prima della loro unione, portavano il nome di “tribù che parlano Nandi”. L’antica patria di Kalenjin è il bacino del Nilo centrale, a sud del fiume Abbay. Ci sono due Dei principali nella loro mitologia: Asis e Ljat. Asis vive nel cielo, è onnipotente e segue l’ordine. Lyat vive in piscine profonde e cascate. I ricercatori hanno scoperto che la persona media appartenente a questa tribù è più veloce del 90% delle persone di tutto il mondo. Sono in grado di competere con atleti professionisti in pochi mesi di allenamento. Il Kenya ha 10 medaglie olimpiche che sono state portate dai corridori. Sette di loro sono stati conquistati grazie agli atleti della tribù Kalejin.

Hadza

è il gruppo etnico indigeno della Tanzania. Abitano la terra intorno al lago Eyasi, sul fondo della Valle della Rift Dell’Africa orientale, così come la terra del Serengeti. È una tribù molto piccola, che conta solo mille persone. Circa 400 di loro vivono attraverso la caccia e la raccolta, come hanno vissuto i loro antenati per millenni. Molti gruppi vicini hanno cercato di introdurre il cristianesimo e l’agricoltura in Hadza, ma tutti i tentativi sono stati infruttuosi.

Mursi

vivono in terra etiope, da un lato circondato da montagne e dall’altro dal fiume Omo. Sono principalmente allevatori di bestiame. Ci sono 7.500 Mursi in Africa, il 90% di loro vive nel campo delle etnie Dell’Etiopia meridionale. È una delle tribù più isolate del continente. Coesistono con Aari, Bodie, Nyangat, Surma, caro e quegu. Mursi crede che ci sia una forza potente, la chiamano Tumvi. È nel cielo. Il più alto dio komoru religioso, sacerdote o Sciamano. Komoru funge da intermediario tra gli uomini di Mursi e Tumvi. Questa tribù è aggressiva e crudele, hanno molti riti e tradizioni insolite. Sembrano anche poco amichevoli: ad esempio, nel labbro inferiore indossano dei piatti-dilatatori.

Chaga

La tribù Chaga della Tanzania abita le pendici orientali del Monte Meru e del Monte Kilimanjaro. Chaga appartiene al gruppo di popoli bantu. Questa è una grande tribù con una popolazione di oltre 2 milioni di persone. Vivono in un luogo con un clima favorevole, quindi la tribù è piuttosto ricca. E hanno anche un’agricoltura molto sviluppata. Probabilmente hanno ottenuto un vantaggio rispetto ad altre tribù africane perché sono stati tra i primi ad adottare il cristianesimo. Ha dato loro accesso alla conoscenza. In misura maggiore, dipendono dalla coltivazione delle banane, inoltre allevano altre colture: patate dolci, fagioli, mais.

Nyakus

La tribù nyakus vive nelle montagne della Tanzania meridionale e del Malawi settentrionale. La popolazione della tribù è di circa 1 milione di persone. Si credeva che i nobili che governavano questa zona avessero un potere magico. Nella tribù era consuetudine soffocare i consiglieri quando diventavano vecchi o malati. Credevano che questo incoraggiasse la pioggia e sostenesse la fertilità.

El Molo

È una tribù che si sta estinguendo rapidamente. Sono quasi scomparsi dalla faccia della terra, il loro numero totale non raggiunge le tremila persone. Originariamente migrarono verso i grandi laghi intorno al 1000 aC. probabilmente provenivano dall’Etiopia. Quando raggiunsero i Grandi Laghi, a causa dell’ambiente, dovettero abbandonare l’agricoltura quindi hanno iniziato a pescare. Prima parlavano la lingua di El Molo, ma non parlano più quella lingua. È anche possibile che non ci sia una sola persona che conosca questa lingua. La tribù adora un Dio di nome waak, ma alcuni di loro hanno adottato il cristianesimo. I rappresentanti di questa tribù vivono secondo le proprie leggi, senza considerare nessun altro. Altre tribù cercano di evitare El Molo: non entrano in contatto con loro, non creano famiglie. Questo è probabilmente uno dei motivi della loro estinzione.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *